Ufficio del Vincolo Forestale

Gestione delle pratiche inerenti il bosco e le aree ad esso assimilate secondo la L.R. 39/2000 Legge Forestale della Toscana.

L'Ufficio gestisce le pratiche relative agli interventi forestali e di sistemazione idraulico forestali nei boschi e nelle aree ad essi assimilati come detta l'art. 3 della L.R. 39/2000:

1. Ai fini della presente legge costituisce bosco qualsiasi area, di estensione non inferiore a 2.000 metri quadrati e di larghezza maggiore di 20 metri, misurata al piede delle piante di confine, coperta da vegetazione arborea forestale spontanea o d'origine artificiale, in qualsiasi stadio di sviluppo, che abbia una densità non inferiore a cinquecento piante per ettaro oppure tale da determinare, con la proiezione delle chiome sul piano orizzontale, una copertura del suolo pari ad almeno il 20 per cento. Costituiscono altresì bosco i castagneti da frutto e le sugherete.

2. Sulla determinazione dell`estensione e della larghezza minime non influiscono i confini delle singole proprieta`. La continuita` della vegetazione forestale non e` considerata interrotta dalla presenza di infrastrutture o aree di qualsiasi uso e natura che ricadano all`interno del bosco o che lo attraversino e che abbiano ampiezza inferiore a 2000 metri quadrati e larghezza mediamente inferiore a 20 metri.

3. Sono considerate bosco le aree gia` boscate, nelle quali l`assenza del soprassuolo arboreo o una sua copertura inferiore al venti per cento abbiano carattere temporaneo e siano ascrivibili ad interventi selvicolturali o d`utilizzazione oppure a danni per eventi naturali, accidentali o per incendio.

4. Sono assimilati a bosco le formazioni costituite da vegetazione forestale arbustiva esercitanti una copertura del suolo pari ad almeno il quaranta per cento, fermo restando il rispetto degli altri requisiti previsti dal presente articolo.

 Possono dunque essere presentate presso l'ufficio istanze per :

  • taglio dei boschi
  • opere connesse al taglio dei boschi
  • difesa fitosanitaria (art. 49 RF) e ricostruzione boschiva (art. 50 RF)
  • piante forestali in terreno non boscati in zone agricole (art. 55 RF)
  • difesa dei boschi dagli incendi
  • trasformazione del bosco e delle aree ad esso assimilate (artt. 79/81  RF, artt. 41/44 LF)
  • taglio ed estirpazione di arbusti e cespugli (art. 83 RF)
  • pascolo in bosco (art. 86 RF)
  • asportazione humus, terreno, cotico erbosco etc (art. 85 RF)
  • castagneti da frutto (art. 52 RF)

 

A seconda del tipo di richiesta che si intende fare si deve scegliere tra i 4 modelli di istanza di seguito allegati: due in forma autorizzativa e due in forma di dichiarazione.

Per la scelta del modello più idoneo si consiglia di prendere visione della Legge forestale della Toscana (L.R. 39/2000) e del suo Regolamento di attuazione consultabili sul sito della Regione Toscana alla sezione Atti e normativa presente sul seguente link  http://www.regione.toscana.it/agricoltura/boschiforeste/index.html

Le istanze possono anche essere compilate dal personale tecnico dell'Ufficio nei giorni di apertura.

Il personale fornisce inoltre indicazioni sulle regole da seguire per i tagli boschivi e per gli abbruciamenti dei residui forestali.

Allegati

Cosa occorre

Sia che si faccia pervenire all'Ufficio l'istanza già compilata e firmata dai soggetti, sia che la compili l'addetto nei giorni di apertura dello sportello, dovranno essere presentati in copia i seguenti documenti:

  • Codice fiscale
  • Documento di riconoscimento valido (carta di identità, passaporto, licenza di caccia, patente di guida rilasciata dalla prefettura);

Devono essere presentati i documenti di tutti i soggetti coinvolti nella domanda (Proprietario, Richiedente e Tagliatore).

  • Documento comprovante la disponibilità del bene con indicato foglio, particella ed estensione della stessa (visura catastale, contratto di acquisto, di affitto, di vendita, atto di successione, ... );
  • Cartografia catastale relativa alle particelle in cui si intende effettuare l'opera o l'intervento;
  • Partita iva (qualora le figure interessate alla domanda siano aziende agricole)

Nel caso di autorizzazioni, sia generiche che di taglio, è necessario presentare anche una marca da bollo da 14,62€.

Istruzioni per la compilazione

Se si opta per la consegna all'Ufficio del modello di istanza già compilato si dovrà avere cura di compilare i moduli in tutte le loro parti. Per agevolare la compilazione è stata realizzata una Guida che trovate in allegato Le domande di taglio dovranno essere presentate presso la sede della Comunità Montana compilate in tutte le loro parti.
Per AZIENDA si intende il proprietario del fondo.
Per ogni soggetto è necessario allegare una copia di un documento di identità valido firmato in originale. Nel caso di vendita di bosco in piedi è necessario allegare copia del contratto di vendita.
Perchè le domande possano essere istruite è necessario compilare il quadro D con precisione, lo stesso dovrà essere fatto per la descrizione del soprassuolo e dell'intervento in cui è necessario riportare anche il tipo di esbosco.
Se per le operazioni di esbosco si devono risistemare delle strade o delle piste, va riportato nella domanda, biffando l'opzione Dichiarazione o Autorizzazione di taglio e opere connesse.
Nel caso in cui si presenti una Dichiarazione di taglio relativa ad interventi previsti in un Piano dei Tagli approvato dalla Provincia, la prima volta è necessario allegare anche copia del piano, successivamente sarà sufficiente inserire i dati nell'apposito spazio.

Ufficio di riferimento

Normativa

Nel file in allegato sono riportate le principali norme da rispettare per evitare di incorrere in sanzioni durante l'esecuzione dei tagli boschivi.
Il documento non prende in considerazione tutte le norme previste nel regolamento 48/r del 08/08/2003 in attauazione della Legge Forestale della Regione Toscana 39/2000.

Azioni sul documento