Ufficio Bonifica

Le funzioni

 

Con la L.R.79/2012 è stata riorganizzata l’attività di bonifica.

Con la L.R. 79/2012 è stata abrogata la L.R. 34/1994 e rinnovata la normativa in materia di bonifica e difesa del suolo. La nuova normativa ha riordinato le funzioni, rafforzando i poteri di indirizzo e programmazione della Regione ed individuando il soggetto gestore nel Consorzio di bonifica. Sono state inoltre riorganizzate le competenze territoriali suddividendo il territorio regionale in sei comprensori.

In esito a tale riorganizzazione l’ex comprensorio 7 “Val di Bisenzio” è stato accorpato al comprensorio 3 “Medio Valdarno” insieme agli ex comprensori: 15 (Ombrone P.se Bisenzio), 16 (Area Fiorentina), 17 (Val di Sieve), 21 (Val d’Elsa) e 22 (Colline del Chianti).

Nelle funzioni in materia di bonifica esercitate, ai sensi della L.R.34/1994, dall’Unione dei comuni della Val di Bisenzio è pertanto subentrato il Consorzio di bonifica 3 “Medio Valdarno”.

Pertanto il contributo riferito all’attività di bonifica svolta nella porzione del comprensorio di bonifica 3 “Medio Valdarno” costituita dall’ex comprensorio 7, precedentemente dovuto all’Unione dei Comuni della Val di Bisenzio, a partire dall’anno 2014 è dovuto al Consorzio di bonifica 3 Medio Valdarno.

Fino all’approvazione del nuovo Piano di Classifica del comprensorio 3 Medio Valdarno, resta confermata l’applicazione dei Piani di classifica vigenti alla data di entrata in vigore della L.R. 79/2012. Per la porzione del comprensorio di bonifica 3 Medio Valdarno, costituita dall’ex comprensorio 7, continua pertanto ad applicarsi il Piano di classifica approvato con deliberazione della Giunta Esecutiva dell’Unione dei Comuni della Val di Bisenzio n. 1 del 30/01/2003.

Per salvaguardare l'esperienza e la conoscenza maturate nella gestione dei territori montani, caratterizzati da problematiche e peculiarità territoriali e sociali che necessitano di una specificità di azione, nonché al fine di garantire il massimo presidio in tali territori, la L.R.79/2012 prevede che i consorzi di bonifica, per l’esercizio delle proprie funzioni si avvalgano delle Unioni di comuni, mediante la stipula di specifiche convenzioni, redatte sulla base dello schema tipo approvato dalla Giunta regionale, nell'ambito delle quali è regolato, in particolare, l'utilizzo del personale adibito a tali mansioni.

Nell’ambito delle convenzione sottoscritta fra Consorzio di bonifica 3 Medio Valdarno e Unione dei Comuni della Val di Bisenzio, in relazione alla gestione del contributo di bonifica, è previsto che gli uffici dell’Unione dei Comuni svolgano localmente il servizio di informazione ai contribuenti, che si aggiunge ai servizi di sportello e telematici propri del Consorzio di bonifica (www.cbmv.it).

Il contributo di bonifica

La spesa per la manutenzione e l’esercizio delle opere di bonifica ed idrauliche, realizzate per la tutela e la valorizzazione del territorio, è ripartita, tramite il contributo di bonifica, fra i proprietari degli immobili che dalle stesse opere ricevono un beneficio. (artt. 24 e 29 della L.R. 79/2012).

Il beneficio goduto dalla proprietà immobiliare è dato dalle migliori condizioni di uso del suolo conseguite mediante le funzioni di difesa idraulica e presidio idrogeologico svolte dall’attività di bonifica, anche mediante il mantenimento e lo sviluppo del patrimonio di sistemazioni idrauliche realizzate fino ad oggi e tramite il quale è stato trasformato e reso fruibile gran parte del territorio.

All'interno dei comprensori di bonifica, gli immobili che ricevono o possono ricevere benefici dall'attività di bonifica, sono individuati mediante la delimitazione del perimetro di contribuenza (art. 28 della L.R. 79/2012). I proprietari degli immobili che ricevono benefici dalle opere di competenza consortile, e che per tale motivo sono inclusi nel perimetro di contribuenza, sono associati obbligatoriamente nei Consorzi di Bonifica, acquisendo pertanto il ruolo di consorziati (art. 8 della L.R. 79/2012).

Ai consorziati spetta, in particolare, l'elezione degli Organi del Consorzio di Bonifica a cui sono associati e il pagamento del contributo consortile (art. 8, c. 4, della L.R. 79/2012).

Il contributo di bonifica costituisce la quota dovuta da ciascun consorziato ai fini della ripartizione delle spese sostenute dal Consorzio di Bonifica per la manutenzione e l'esercizio delle opere di propria competenza, nonché per il proprio funzionamento (art. 29, c. 1, della L.R. 79/2012).

La ripartizione delle spese consortili, e quindi la determinazione dell'importo del contributo, avviene mediante riparto annuale, in proporzione all'indice di beneficio attribuito a ciascun immobile in applicazione del Piano di Classifica. (art. 29, c. 2 e c. 3, della L.R. 79/2012).

Alla ripartizione delle spese sostenute dal Consorzio di Bonifica concorrono, in proporzione al beneficio ottenuto, anche i soggetti pubblici e privati titolari di scarichi per il recapito di acque nei canali consortili (art. 30, c.1 della L.R. 79/2012).

Il Piano di Classifica è lo strumento previsto dalla Legge per garantire la corretta ed equa ripartizione della contribuenza, attraverso la ricerca e la stima di idonei parametri tecnici ed economici atti a quantificare il grado di beneficio di ciascun immobile (art. 28 della L.R. 79/2012).

L’entrata in vigore del nuovo Piano di Classifica, che verrà approvato con la procedura definita dall’art.37 L.R.79/2012, è prevista per l’1/1/2015. Per l’anno 2014 resta confermata la validità dei Piani di Classifica vigenti alla data di entrata in vigore della L.R.79/2012. (art. 37, c. 3, della L.R. 79/2012). Per il riparto della contribuzione dell’anno 2014 trovano pertanto applicazione gli atti approvati dai precedenti enti gestori della bonifica, competenti sui comprensori accorpati a formare il comprensorio di bonifica n.3 “Medio Valdarno”.

Il contributo di bonifica costituisce onere reale sugli immobili ed è esigibile ai sensi dell'art. 21 del R.D. 13 Febbraio 1933 n. 215.

Contatti e recapiti per informazioni e richieste di variazioni sul contributo di bonifica Uffici Unione dei Comuni della Val di Bisenzio:

tel 0574-931228 / 931211    fax 0574/957038

Vernio: Via Bisenzio, 351 – Mercatale di Vernio

il lunedì ore 8.30-13 e il giovedì ore 8.30-13 e ore 14.30-17.30

Vaiano: (dal 14/10/2014 al 04/11/2014): tel. 0574- 942421

P.zza del Comune

il martedì ore 8.30-13 e ore 14.30-17.30 e il venerdì ore 8.30-13

 

Uffici Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno:

Pistoia: Via Traversa della Vergine, 81/83

dal lunedì al venerdì ore 9-12 e martedì ore 15-17

Prato: Via del Serraglio, 98

il lunedì ore 9.30-12.30 e ore 14-16.30

 

Telefono:

Numero Verde 800 672 242 (massimo 2 operatori)

dal lunedì al venerdì ore 9-12, e martedì ore 15-17

(risponde la sede distaccata di Pistoia del consorzio di bonifica 3 Medio Valdarno)

 

Corrispondenza:

Fax 0573 975281 E-mail contributi.opb@cbmv.it

PEC info@pec.cbmv.it (solo da indirizzi PEC)

Posta Via Traversa della Vergine, 81/83 - 51100 PISTOIA

Nei messaggi indicare sempre un recapito per la risposta (postale, fax, telefonico, e-mail) e il codice fiscale

 

Per maggiori informazioni sul contributo di bonifica e l’accesso ai servizi online si rimanda alle pagina “Contributo di bonifica” del sito www.cbmv.it

 

CODICE UNIVOCO UFFICIO PER FATTURA ELETTRONICA

OAS4KR


 

Azioni sul documento