Tu sei qui: Home News Agosto in Vallata, i sindaci chiedono attenzione speciale

Agosto in Vallata, i sindaci chiedono attenzione speciale

Appello alla ASL perché garantisca il servizio di guardia medica

Bongiorno, Morganti e Bosi

Per le settimane centrali di agosto i sindaci della Val di Bisenzio – Guglielmo Bongiorno (Cantagallo), Primo Bosi (Vaiano), Giovanni Morganti (Vernio)-  chiedono un’attenzione particolare per le loro comunità. “Iniziano le giornate calde in Valbisenzio, e non solo per il meteo - affermano - Le seconde case si riempiono, i turisti aumentano, visitatori ed escursionisti raggiungono la vallata alla ricerca di aria fresca, buon cibo e occasioni di svago, tra sentieri ed eventi. È  il momento di prestare particolare attenzione - dichiarano - affinché questi giorni di ferie trascorrano per tutti all’insegna della tranquillità e del benessere”.

I primi cittadini prima di tutto rivolgono “un ringraziamento a tutti i lavoratori che anche nei giorni di ferie sono impegnati a garantire la sicurezza del territorio e i servizi alle persone”. Al tempo stesso i sindaci lanciano l’invito a tenere alta l’attenzione: “alle forze dell’ordine per il loro lavoro di presidio nelle frazioni e sulle strade, agli operatori sanitari per l’assistenza alle persone, alle aziende di servizi, in particolare Alia, per il maggiore impegno nelle località turistiche”.

Un appello particolare viene rivolto infine all’ASL, affinché garantisca i servizi di guardia medica ordinaria nei presidi di Vaiano e Vernio “perché non è possibile confidare solo nella parziale copertura oraria della guardia medica turistica di Montepiano che peraltro ha funzione diversa rispetto a quella ordinaria”.

“La nostra vallata, un territorio di 200 km quadrati e 20 mila abitanti che aumentano nel periodo estivo, ha bisogno di presidi sanitari certi e reperibili, soprattutto in questo particolare momento in cui la recrudescenza del Covid rischia di impegnare fortemente le strutture ospedaliere della provincia - affermano i sindaci - Riuscire a garantire, anche nel periodo estivo, la guardia medica per i nostri cittadini e per i turisti che trascorrono le ferie in vallata, è una necessità che non può essere sottovalutata e sulla quale da tempo lavoriamo di concerto con le istituzioni sanitarie provinciali e regionali”.

Azioni sul documento