Tu sei qui: Home News Lunedì Comuni mobilitati per la Giornata contro l’omofobia

Lunedì Comuni mobilitati per la Giornata contro l’omofobia

Palazzi comunali con le bandiere arcobaleno - Tutti insieme per il progetto Ready – A Vaiano c’è la panchina Arcobaleno

I Comuni della Val di Bisenzio sono mobilitati per i diritti di tutte le persone in occasione della Giornata internazionale contro l’omofobia che si celebra lunedì 17 maggio. Sui palazzi comunali di Vaiano, Vernio e Cantagallo sventolerà la bandiera arcobaleno mentre assessori e consiglieri con delega per le Pari opportunità parteciperanno alle iniziative istituzionali promosse su tutto il territorio provinciale. A Vaiano nel corso della giornata sarà inaugurata la coloratissima panchina arcobaleno che è stata sistemata nel parco Ferri.

“La lotta contro le discriminazioni e i pregiudizi deve vederci impegnati con determinazione e senza  reticenze, contro l’omofobia è giusto alzare la voce e non abbassare la guardia - sostengono insieme l’assessore Fabiana Fioravanti e la consigliera Mila Macchi per Vaiano, il consigliere Marco Saccardi per Vernio, e la vicesindaca Maila Grazzini per Cantagallo -  La Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia è necessaria per promuovere i diritti delle persone LGBTI. L’impegno per le pari opportunità, indipendentemente dall'orientamento sessuale o dall'identità di genere, è una responsabilità di tutti e tutti insieme dobbiamo combattere contro la cultura del pregiudizio”.

Nella mattinata, in Provincia, i consiglieri Mila Macchi per Vaiano e Marco Saccardi per Vernio, con la vicesindaca Maila Grazzini per Cantagallo sottoscriveranno il protocollo territoriale che dà seguito all’adesione a Ready, la Rete nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere. Nel pomeriggio, alle 18, tutti i Comuni -  per Vaiano ci sarà l’assessore Fabiana Fioravanti, mentre per Vernio e Cantagallo ci saranno Marco Saccardi  e Maila Grazzini -   parteciperanno all’iniziativa che si svolgerà nel Salone consiliare del Comune di Prato con i rappresentanti delle diverse amministrazioni comunali della Provincia e delle associazioni Lgbt+: Associazione Famiglie Arcobaleno, Centro di Solidarietà di Prato, Comitato Gay Lesbiche Bisessuali Trans + Prato, Agedo Fi  (Associazione genitori, parenti e amici di persone Lgbt), Collettivo Queer Riot, Intersezioni e Arci Gay e Lesbiche. Si tratta in pratica di tutte le organizzazioni che lo scorso 12 maggio hanno costituito il Tavolo Arcobaleno insieme ai Comuni e alla Provincia.

Azioni sul documento